Carlsberg, tutto il verde di una bionda

Carlsberg, tutto il verde di una bionda

Preservare l’ambiente, innovare, rilanciare l’Italia come centro di ricerca e rivoluzionare il proprio settore. Non è quello che ci si aspetta quando si ordina un boccale di birra. Eppure, proprio un nuovo metodo di spillatura ha avuto il merito di riportare Carlsberg Italia al centro dell’innovazione globale. Tre anni fa, infatti, nello storico stabilimento di Induno Olona (Va) – che produce anche i marchi Angelo Poretti, Tuborg e Kronenburg, ecc. – il dipartimento R&D metteva a punto una tecnologia sviluppata nell’headquarter danese qualche anno prima e valutava il suo potenziale nel canale fuori casa. Nasceva così Draught Master Modular 20, un sistema di spillatura che elimina l’aggiunta di anidride carbonica e rimpiazza i tradizionali fusti in acciaio con quelli in PET riciclabile.

Su Now How trovi l’intervista completa ad Alberto Frausin, recentemente nominato CEO del Center of Excellence, già amministratore delegato di Carlsberg Italia dal 2007. Leggila qui.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *